Ogni quanto lavare il cane

Ogni quanto lavare il cane

Sapere ogni quanto lavare il cane è solo una delle cose di cui avere attenzione con il nostro animale domestico. Decidere di accogliere un cucciolo in famiglia è molto più che coccole, gioco e tenerezza. Prendersi cura del proprio amico a quattro zampe vuol dire occuparsene con attenzione. Ad esempio farlo passeggiare quando ne ha bisogno e non quando ne abbiamo voglia noi, che ci sia il sole oppure la pioggia. Significa sapere ciò di cui ha bisogno per essere in salute e assicurargli le dovute attenzioni mediche. Tra queste attenzioni, non ultima arriva la cura del pelo da cui dipendono igiene e pulizia del nostro cane. Ecco perché è importante sapere ogni quanto lavare il cane e come farlo.

Ogni quanto lavare il cane

La regolarità del lavaggio dei cani è molte volte motivo di discussione tra i padroni, che leggono e ascoltano molte informazioni contraddittorie tra loro. Ma anche toelettatori, allevatori e veterinari spesso non sono d’accordo circa la frequenza del lavaggio.

Cerchiamo di mettere luce su ogni quanto si lavano i cani facendo qualche passo indietro.

Perché è importante lavare il nostro amico a quattro zampe

Ogni quanto lavare il cane

Prima di chiedersi ogni quanto lavare il cane, è importante capirne l’importanza. In famiglia i cani stanno molto a contatto con gli oggetti casalinghi, tappezzeria prima di tutto, diventando così potenziali portatori di agenti contaminanti. L’aria inoltre contiene sostanze inquinanti e polveri sottili che possono dare vita a irritazioni cutanee e alte problematiche. Per quanto riguarda i cani a pelo lungo insorge il problema dello sporco raccolto, che può depositarsi e accumularsi. In questo caso è ancora più importante un pelo sano e ordinato.

In linea generale un cane pulito è meno soggetto all’attacco di batteri, germi e parassiti, ma non solo. Pulire periodicamente il manto lo aiuta a liberarsi del pelo morto di cui non ha più bisogno. Oltre che agire in modo negativo sulla naturale termoregolazione del cane, il pelo in eccesso potrebbe attirare ulteriori agenti contaminanti.

Quindi è giusto lavare il cane, ma va fatto bene, con prodotti adatti alla loro pelle. Affidarsi ad un professionista è il modo migliore per essere certi di rispettare le caratteristiche della cute, il ph naturale e la sua sensibilità.

Ogni quanto si lavano i cani?

Molti padroni, soprattutto alle prime armi, si chiedono se esista un limite da non superare nei lavaggi del proprio cane. La preoccupazione di recare danno alla salute del nostro cucciolo è sempre dietro l’angolo. Tale preoccupazione non è del tutto infondata, anzi.

Ogni quanto si lavano i cani

La cute dei canidi è avvolta da un fine strato di lipidi al fine di essere sempre ben idratata e protetta dagli agenti esterni. Ecco perché è importante non lavare spesso il nostro cane. Lavarlo troppo spesso potrebbe pregiudicare la naturale protezione della cute, esponendolo a rischi patogeni e altri problemi della pelle

Fatta questa importante premessa, scopriamo ogni quanto lavare il cane. Nonostante esistano delle regole generali, è ovvio che la frequenza dei lavaggi dipenda da diversi fattori.

Pelo corto e raso (come dalmata, carlino o alano)

Senza problematiche specifiche o se il cane non si è occasionalmente sporcato in modo eccessivo, la giusta frequenza è di un lavaggio ogni 30/45 giorni. Frequenza da aumentare ovviamente in base alle abitudini. Se sta molto a contatto con il fango o se è solito fare il bagno in mare o nel fiume, andrà lavato più spesso.

Ogni quanto lavare il cane a pelo medio (tipo pastore tedesco, terrier o barboncino)

Il dubbio su ogni quanto lavare il cane a pelo medio viene subito chiarito: è corretta la stessa frequenza dei cani con pelo raso, va bene quindi lavare il cane a pelo medio ogni 30/45 giorni. Va comunque tenuto conto del tipo di vita del cane e delle sue abitudini.

Pelo lungo (come shih-tzu, il levriero o il volpino)

In presenza del pelo lungo i cani hanno bisogno di essere lavati e trattati più spesso, in particolar modo quando il pelo raggiunge il terreno. Quando di tratta di esemplari da mostra, la cura arriva ad essere anche settimanale. Tutto questo ricordando sempre di mantenere la naturale composizione e protezione dell’epidermide rispettandone le caratteristiche.

Ogni quanto lavare il cane dal toelettatore?

Il toelettatore è il professionista di cui non potete fare a meno se volete prendervi cura al meglio del manto dei vostri amici. La pulizia del proprio cane può apparire come un gesto banale e semplice ma può risultare molto più complesso.

Ogni quanto lavare il cane

Non solo è importante sapere ogni quanto lavare il cane ma anche quando è utile rivolgersi a un toelettatore. Chiamatelo se siete alle prime armi, non avete idea di come fare o che prodotti usare. Chiamate un professionista anche se non avete in casa uno spazio adeguato e attrezzato allo scopo.

Inoltre è utile ricorrere a un toelettatore in alcuni casi specifici:

  • Se il cane è in muta e quindi necessita di una rimozione del pelo più sostanziosa
  • In presenza di specifiche problematiche cutanee con necessità di cure particolari
  • Quando il soggetto non è facilmente trattabile in casa e si calma invece fuori dal suo contesto
  • Per alcune razze specifiche, caratterizzate da un folto sottopelo. Cani come il chow chow ad esempio necessitano di una spazzolatura professionale con attrezzatura particolare, rischiano altrimenti di non smaltire tutto il pelo in eccesso.

Se oltre al lavaggio siete in cerca di consigli anche riguardo la tosatura, scoprite in questo nostro articolo perché non dovreste tosare il vostro cane.

Estate e inverno, quanto influiscono sulla frequenza del lavaggio?

Ogni quanto lavare il cane

Fattori come pioggia e nebbia, dove presenti, aumentano il rischio di sporco e polveri sottili sul manto. In inverno dunque è consigliabile aumentare la frequenza dei lavaggi, anche a causa dello smog che è più pesante in questa stagione. In questo periodo dell’anno è doveroso stare attenti ad una corretta asciugatura ed evitare di lasciare parti del manto umide. Asciugando completamente il pelo del cane, il rischio dermatiti, funghi e dolori articolari si riduce drasticamente.

Durante la stagione calda può risultare utile pulire il cane più spesso per rinfrescarlo. Non bisogna comunque dimenticare che un’asciugatura profonda è comunque importante nei cani con molto sottopelo.

Se dopo questo articolo avete ancora dubbi sull’importanza di prendersi cura dei nostri animali domestici, dovreste dare leggere il nostro articolo sull’argomento.

Aggiungi commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *