Come prendersi cura di un cane

Come prendersi cura di un cane

Esiste una serie di fattori che influenzerà le esigenze di salute e benessere del tuo cane, in particolare la razza e l’età. È quindi importante che siano considerati tutti i fattori, dalle loro esigenze nutrizionali all’esercizio e alla toelettatura, tenendo conto delle loro particolari caratteristiche. Tuttavia, alcune cose sono essenziali per tutti i cani, per poter essere membri sani e ben adattati della famiglia.

Esercizio

Tutti i cani hanno bisogno di esercizio fisico, ma la quantità e il tipo variano a seconda dell’età, della taglia e della razza.

  • Assicurati che ci sia spazio sufficiente per fargli fare esercizio: le passeggiate di un cane non devono essere considerate solo come il momento per un rapido bisognino.
  • Breve ma frequente: ricorda che i cani da taglia media a gigante presentano periodi di crescita più lunghi, durante i quali si sviluppano ossa e articolazioni, quindi non devono camminare per lunghe distanze o praticare determinati sport fino a quando non saranno più grandi, optando invece per un esercizio più breve ma frequente.
  • Trova il tempo per giocare: il gioco è un componente naturale dell’esercizio di un cane e ne aiuta lo sviluppo psicologico. Fa bene al tuo cane da molti punti di vista diversi: per trascorrere del tempo con lui, per consolidare il legame, per controllarne il peso, per mantenere la vitalità e per rafforzare il suo sistema cardiovascolare e immunitario.

Ambiente

I cuccioli sono molto ricettivi al loro ambiente e le esperienze negative avranno un effetto duraturo su di loro. Lo sviluppo comportamentale di un cucciolo prevede diverse fasi, compreso il periodo di socializzazione, che inizia dalle 4 settimane e prosegue fino alle 14 settimane.

Il periodo della paura rientra in questa fase di socializzazione, pertanto, qualsiasi trauma che si verificherà in questo arco di tempo potrebbe avere conseguenze negative e durature. Dunque è importante prestare attenzione alle esperienze ambientali di un cucciolo sin dal primo giorno.

  • Assegnagli la loro cuccia: assicurati che abbiano una cuccia riservata a loro in cui possano ritirarsi e sentirsi al sicuro.
  • Fornisci ambienti stimolanti: ad esempio, amano molto sia una grande scatola di cartone in cui nascondersi che i giocattoli di gomma. È importante assicurarsi che tutte le sessioni di gioco siano supervisionate.
  • Falli abituare gradualmente ai nuovi ambienti: se vivi in una città, dovresti farli familiarizzare lentamente con tutti gli elementi che dovranno affrontare, come automobili, scale mobili, ascensori, treni, tram o autobus.
  • Addestrali a stare da soli: a volte i cuccioli devono anche imparare a rimanere da soli.
  • Presentali agli altri cani: per aiutarli con la socializzazione, i cuccioli devono incontrare altri cani e animali, oltre che essere inclusi il più possibile nelle uscite familiari.
  • Portali fuori: non aspettare a lungo per portare fuori il tuo cucciolo. Deve iniziare ad esplorare ciò che lo circonda a partire dall’età di due mesi.

Alimentazione

Come per l’esercizio, anche le esigenze nutrizionali cambiano man mano che il cucciolo cresce. All’inizio i cuccioli avranno l’esigenza di assumere piccole quantità di cibo più volte al giorno, per poi arrivare gradualmente a non più di uno o due pasti giornalieri. Anche la taglia e la razza del cane influiscono sulle sue esigenze nutrizionali, in quanto alcuni esemplari presentano tolleranze digestive diverse dagli altri. I cani dovrebbero avere sempre accesso all’acqua ed è importante che non vengano alimentati eccessivamente.

Se non sei sicuro delle quantità di cibo da offrire al tuo cane, o di come le fasi di crescita ne influenzeranno l’alimentazione, chiedi consiglio al tuo medico veterinario. Il medico veterinario sarà in grado di fornirti linee guida importanti per una crescita ottimale, contribuendo a evitare obesità e tensioni sulle sue articolazioni in fase di sviluppo.

Infine, il cibo deve fornire energia, ma deve anche costruire e mantenere le cellule del corpo, supportando eventuali sensibilità, legate all’età, dell’apparato digerente, cutaneo, dentale e articolare. Un alimento nutriente, che soddisfa le esigenze di un’alimentazione salutare, conterrà solo le giuste quantità di sostanze nutritive.

  • Non cambiare improvvisamente il tipo di alimentazione: per evitare di disturbare l’apparato digerente del cucciolo appena arrivato a casa tua, continua a offrirgli il cibo che è abituato a consumare. Se vuoi cambiare la sua alimentazione, fallo gradualmente durante un periodo di transizione di una settimana, mescolando gli alimenti vecchi a quelli nuovi, in proporzioni variabili.
  • Scegli il cibo giusto per la sua età: esiste una formula speciale per i cuccioli, che rispetta perfettamente le loro esigenze di crescita. Per una crescita ottimale, segui i consigli del tuo medico veterinario.
  • Stabilisci una routine: i cani sono animali da branco e hanno bisogno di una precisa struttura gerarchica. Nutri il tuo cucciolo ogni giorno nello stesso posto, al medesimo orario e dopo che tu e la tua famiglia avrete consumato il vostro pasto, affinché comprenda che, all’interno del nucleo familiare, tu occupi la posizione dominante. Dopo aver mangiato, se possibile, non far fare esercizio fisico importante al cucciolo per una o due ore.
  • Gli snack devono rappresentare l’eccezione, non la regola: limitando il consumo degli snack, permetterai al tuo cane di mantenere il proprio peso forma. Lo zucchero e il cioccolato sono vietati. Il cioccolato è tossico per i cani. Le crocchette a basso contenuto calorico possono essere utilizzate come ausilio per l’addestramento.

Aggiungi commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *